Utilizziamo cookie nostri e di terze parti al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione sul nostro sito, valutare il coinvolgimento dei nostri utenti e migliorare i nostri servizi, per maggiori informazioni clicca sul bottone "Maggiori Informazioni". Continuando nella navigazione, senza modificare le impostazioni del tuo browser acconsenti all'utilizzo di cookie sul tuo terminale. Maggiori informazioni

Qualità dell'aria indoor

Trascorriamo fino al 90% della nostra giornata in spazi chiusi e l’aria che respiriamo in casa influenza la nostra salute ed il benessere di tutta la famiglia. Una buona qualità dell’aria indoor è quindi parte integrante di una casa confortevole, sana e sicura.
Cosa dicono gli studi
Vivere all’aria aperta è un’abitudine per pochi. Anche quando siamo fuori casa, la nostra quotidianità trascorre tra scuola, ufficio, palestra, negozi: spazi chiusi dove la qualità dell’aria che respiriamo deve essere all’altezza del nostro benessere. Eppure non sempre è così. L’Environmental Protection Agency americana ha dichiarato che nei luoghi chiusi l’aria può essere fino a 5 volte più inquinata di quella esterna. Il primo studio nazionale ha messo in luce come la concentrazione media giornaliera di polveri sottili, respirata al chiuso dai bambini italiani, è circa il doppio rispetto ai livelli che troviamo per le strade della nostra città. E non è solo la presenza di sostanze disperse nell’aria a minacciare la qualità dei nostri spazi indoor.
«Un buon ambiente è il risultato sinergico di microclima interno (temperatura e umidità), comfort acustico, bassa concentrazione di sostanze disperse nell’aria, qualità e intensa luminosità.» Ing. Demattio, Agenzia Casa Clima
Sostanze disperse nell’aria e umidità sotto controllo
Un buon sonno, la giusta concentrazione, una piacevole sensazione di benessere sono dunque correlati al comfort dell’aria che respiriamo. Prendersene cura è possibile, purificando ad esempio l’aria di casa dalle principali sostanze irritanti. Quali sono? Le polveri fini e ultrafini, sebbene prodotte principalmente dall’inquinamento esterno, sono una presenza dannosa negli ambienti in cui non c’è un ricircolo di aria costante. A ciò si aggiungono i Composti Organici Volatili (i COV: sostanze emesse da arredi, pitture, cosmetici e detersivi) e pollini, muffe, batteri: tra i principali responsabili del peggioramento dei sintomi in chi soffre di allergie. Importante, però, anche la percentuale di umidità dell’aria, che deve mantenersi ad un livello pari al 50-60% per evitare secchezza e irritazioni, così come la proliferazione di muffe e batteri.
Creare una casa confortevole è possibile. Bastano piccoli gesti, semplici ma consapevoli, e l’aiuto di prodotti specifici per il trattamento dell’aria.
Buone e sane abitudini quotidiane
Se ridurre l’inquinamento atmosferico non dipende solo da noi, migliorare la qualità dell’aria indoor sì. Con alcuni semplici gesti quotidiani è possibile ridurre le emissioni di sostanze nocive che provengono dalla nostra stessa casa. Alcuni esempi? Pulire e far prendere aria ai tappeti, ambiente ideale per acari e batteri. Non fumare al chiuso e limitare l’uso di candele. Per le pulizie domestiche, preferire panni in microfibra e sostanze naturali, come aceto bianco e scaglie di sapone. Lavare, periodicamente, i filtri dei condizionatori. Far prendere aria agli abiti ritirati in lavanderia prima di riporli nell’armadio.